Entribù

Case history

Francesco Rieppi

In un periodo di crisi, dove non si parla altro che di disoccupazione giovanile e fuga di cervelli all’estero, Spotlime rappresenta un’eccezione positiva. Un team di giovani talenti under 30 che, dopo aver fatto esperienze oltre confine, decide di tornare in Italia, fondare una nuova società per lanciare un’innovativa app mobile di eventi. Per saperne di più parliamo con uno dei quattro fondatori: Francesco Rieppi.

Intervista di Marina Marchetti

Parole: 681 | Tempo di lettura: 3 minuti

Francesco prima di tutto spiegaci meglio cos'è Spotlime?

Spotlime è un'applicazione per scoprire e prenotare gli eventi last minute. Troppo spesso quando vogliamo uscire non sappiamo quali possano essere i luoghi migliori per noi e finiamo per ritrovarci nei soliti locali, perdendoci ciò che di interessante può offrire Milano. Da qui nasce Spotlime: per scoprire senza perdere tempo quali sono i migliori eventi attorno a noi e, unica nel suo genere in Italia, prenotare o comprare un biglietto in due click direttamente dallo smartphone.

In cosa si differenzia dalle altre app per eventi?

Spotlime non è un aggregatore di eventi, ma un selezionatore: gli eventi presenti sulla app sono scelti uno ad uno dal nostro staff per assicurare ai nostri utenti la massima qualità. La selezione delle proposte è decisamente variegata: si passa dalla degustazione di vini, all’ingresso al Just Cavalli, dalla serata a teatro, al brunch in uno dei migliori ristoranti di Milano. Quasi sempre accompagnate da un vantaggio: saltare la fila in discoteca, drink in omaggio o uno sconto sul biglietto.

Come è nata questa idea?

Negli ultimi due anni ho vissuto tra Barcellona, Mosca e Berlino per studio e lavoro. Tornavo regolarmente a Milano per vedere la mia ragazza ed era sempre estremamente difficile trovare cosa fare nel weekend in poco tempo. Le ricerche su internet spesso non portavano a nessun risultato interessante. Ma sapevamo che a Milano i luoghi da scoprire non mancano, anzi! Ben presto ho scoperto che il nostro problema era comune: la gente vuole divertirsi ma non ha tempo per cercare gli eventi più in linea con i propri gusti.
Ne ho parlato con alcuni amici, abbiamo fatto alcuni sondaggi, parlato con alcuni dei più importanti locali di Milano, e capito che vi era potenziale per una soluzione via app.
Abbiamo iniziato a lavorare la notte e i weekend su Spotlime; dopo qualche mese abbiamo lasciato i rispettivi lavori, raccolto un primo investimento e lanciato la app.

Con chi hai condiviso questa nuova avventura?

Con le persone più in gamba che potessi trovare. Francesco De Liva, due lauree in ingegneria con lode – una a Chicago – un’esperienza di 3 anni al Sophia Antipolis in Francia presso la più grande società di prenotazioni aeree al mondo.
Fabrizio Dell’Acqua, dottorando in Economics alla London Business School. Luigi Selva Verzica, esperto legale specializzato su contratti e proprietà intellettuale. Il team si è allargato con il tempo, siamo ora in 8 a lavorare su Spotlime.

Cosa ti entusiasma maggiormente del tuo nuovo lavoro?

Vedere che stiamo portando delle novità nel mondo dell’intrattenimento e che quello che facciamo è apprezzato dai nostri utenti. Una volta abbiamo conosciuto una persona ad una festa che ci ha detto: “Spotlime? L’ho scaricata! Erano anni che aspettavo un app del genere!” Inutile dire che è stata un’enorme soddisfazione.

Quali sono stati, invece, gli aspetti più complessi per iniziare questa nuova impresa?

Raccogliere i finanziamenti dalle persone giuste ha richiesto un impegno importante.
Abbiamo iniziato con dieci slide ed un’idea. Non arrendersi ai primi "no" è stato fondamentale: dopo 6 mesi avevamo fatto ciò che a detta di alcuni sembrava impossibile, raccogliendo quanto cercavamo.
Anche la crescita del team ha richiesto un forte impegno. Nel giro di pochi mesi siamo passati da 4 a 8 persone e a breve diventeremo 10. Una sfida che continuerà con la crescita di Spotlime.

Qual è stata la maggiore soddisfazione sino ad ora?

Sicuramente aver vinto l’ITCUP 2013 organizzata da Registro.it che ci ha confermato la reale potenzialità della nostra app, e il fatto che stessimo procedendo nella giusta direzione. Come premio abbiamo vinto soggiorno e partecipazione alla Startup School di Mind The Bridge a San Francisco lo scorso Febbraio. Un’esperienza fantastica che ci ha fatto vivere le potenzialità della Silicon Valley e preparato per crescere più velocemente.

Quali sono i progetti per il futuro?

Puntiamo a crescere a livello nazionale e internazionale. Spotlime si struttura come app per le grandi città ed abbiamo già definito un piano di espansione nelle principali capitali europee. Milano è un fantastico banco di prova dove sviluppare le prime metriche, ma da sempre guardiamo all’Europa e al mondo.

inserito il 01-05-2014
Francesco Rieppi, app, Milano, intrattenimento, Marina Marchetti, eventi, prenotazioni, startup
Case history
Orientamento